massimo di cataldo

Martedì, 26 Aprile 2016 17:22

Come trovare l’anima gemella grazie alla cartomanzia

Scritto da 

Oggi è diventato sempre più difficile trovare l’amore: i luoghi e le occasioni di incontro, infatti, sono significativamente diminuiti rispetto al passato e si fatica sempre più a comunicare e a relazionarsi con il prossimo in maniera autentica. All’interazione faccia a faccia sembra essersi sostituita quella virtuale, che consente al soggetto di entrare in contatto con il proprio interlocutore soltanto tramite l’utilizzo di un pc e di una rete internet. E così capita che difficilmente si riesca a trasformare il rapporto d’amore a distanza in una storia solida e reale, sulla quale possano essere fondate le basi della propria vita futura.

Avviene così che sempre più persone si convincano del fatto che l’amore con la A maiuscola sia una mera chimera, impossibile da realizzarsi. Ma oltre a coloro che si rassegnano c’è anche un significativo gruppo di soggetti che non demordono e cercano strade alternative per riuscire a trovare la propria anima gemella, ovunque essa sia.

Il ricorso a un cartomante

La lettura dei tarocchi è una tecnica divinatoria che esiste da secoli e che ha sempre esercitato un certo fascino sull’animo degli esseri umani. Non tutti, ovviamente, sono del medesimo parere: taluni sono scettici, altri ci credono fermamente e altri ancora vogliono almeno sperarci.

Per molte persone consultare un cartomante costituisce la soluzione ideale per fare il punto sulla propria situazione sentimentale e facilitare, di conseguenza, la ricerca del vero amore.

Il consulto di un cartomante può rivelarsi piuttosto utile per riconoscere la propria anima gemella e vivere con lei una relazione intensa e duratura. Colui che legge le carte infatti, se ha maturato una solida e lunga esperienza professionale, sarà in grado di interpretare alla perfezione sia i segnali che provengono dalle carte, sia quelli che provengono dall’animo della persona che ha di fronte. Il cartomante, in altri termini, mira a creare un contatto profondo tra il richiedente e la sua stessa esistenza,  al fine di offrirgli una visione più lucida e consapevole delle cose. Il cartomante, inoltre, oltre a predire il futuro, si comporterà come una sorta di medico dell’anima, dispensando consigli e suggerimenti utili finalizzati alla ricerca dell’anima gemella. Oltre a ottenere un aiuto concreto in campo sentimentale, il richiedente, dunque, potrà fruire anche dell’ascolto attivo da parte del chiromante, che rappresenterà per lui una vera e propria valvola di sfogo.

La cartomanzia non va condannata

Nel momento in cui il cartomante è in grado di produrre un giovamento nella vita del richiedente, è evidente che la sua attività non deve essere condannata. Sono invece da tenere lontani i millantatori e i manipolatori, i quali tendono a sfruttare le fragilità altrui al solo scopo di ricavarne un beneficio di natura economica.

Il cartomante professionale, in altri, termini, aiuterà i clienti a comprendere che bisogna continuare a credere nell’amore, senza mai gettare la spugna. Tramite la lettura dei tarocchi, d’altra parte, sarà possibile ricevere consigli utili e mirati che serviranno per uscire da una situazione di stallo.

Letto 1108 volte