massimo di cataldo

Mercoledì, 11 Maggio 2016 11:12

L'energia solare per il mondo geek

Scritto da 

Chiunque sia attento alle evoluzioni del mondo geek non può non prestare attenzione alla rilevanza crescente che il ruolo dell'energia solare sta assumendo: un'accoppiata che promette di garantire risultati significativi, sia dal punto di vista economico che dal punto di vista dell'innovazione, in virtù di una varietà di soluzioni destinate a migliorare la vita di chi le utilizza. Sono sempre di più, infatti, i geek toys che basano il proprio funzionamento sull'energia ricavata dal sole: dispositivi tecnologici (e non solo) di qualità, che nel giro di qualche anno potrebbero "invadere" il mercato in numerosi settori.

Il web, in questo senso, è un ricettacolo di proposte e di informazioni: se il sito www.wolmann.com è destinato in modo particolare a chi è in cerca di pannelli fotovoltaici, navigando qua e là per la Rete ci si può imbattere in una straordinaria varietà di proposte capaci di lasciare a bocca aperta. Anche nel settore dell'abbigliamento: basti pensare ai Go Urban Cargo Pants, che non sono altro che dei pantaloni a energia solare dal costo di poco più di 900 dollari (non proprio alla portata di chiunque, in effetti). Perché dei pantaloni dovrebbero basarsi sull'energia del sole? Semplicemente, perché sono caratterizzati dalla presenza di due tasche sui lati, all'interno delle quali si possono inserire smartphone o altri dispositivi elettronici a batteria che hanno bisogno di essere ricaricati. Nelle tasche, infatti, si trovano dei pannelli solari indipendenti: vi si può inserire un telefono cellulare, quindi, ma anche un lettore mp3 o qualsiasi altro device.

E, rimanendo in tema di device e di smartphone, gli appassionati di geek qualche tempo fa hanno avuto modo di entrare in contatto con una diceria secondo la quale il prossimo iPhone, cioè l'iPhone 7, sarà ad energia solare. Ovviamente non sono giunte né conferme né smentite ufficiali da Cupertino, anche perché l'uscita dell'iPhone 6 è ancora relativamente recente, ma più di qualche addetto ai lavori ha cominciato a raccogliere degli indizi che confermerebbero questa notizia. In attesa di scoprire se sia vero o no, non si può fare altro che sognare, soprattutto se si pensa a quante volte siamo costretti ad avere a che fare con uno smartphone la cui batteria crolla nel giro di poche ore.

Il settore dei geek toys che si basano sull'energia del sole, iPhone o meno, è comunque in continua espansione: che si tratti di uno zainetto, di un portachiavi, di una calcolatrice, di uno scanner per diapositive o di qualsiasi altro oggetto o gadget più o meno utile, c'è solo l'imbarazzo della scelta. La Rete si presenta, in questo senso, come un mare magnum di proposte e di opportunità che vale la pena di cogliere, in attesa di vestirci, tra qualche anno, con maglie e jeans a energia solare: gli orologi, invece, ci sono già adesso.

Letto 1183 volte